Discutiamo la proposta di Berto di una logica e una semantica per le entità inesistenti. Muovendo da un approccio empirista, determiniamo il senso in cui è possibile parlare dell'esistenza come proprietà, senza abbandonare completamente il punto di vista comunemente accettato. Mostriamo anche la rilevanza di tale nozione di esistenza per i fondamenti della fisica

D i s c u s s i o n i Esistere, nella scienza e nel discorso comune A partire da Francesco Berto, L’esistenza non è logica, Laterza, Bari, 2010, pp. XXIV+283

Vincenzo Fano;Gino Tarozzi
2018-01-01

Abstract

Discutiamo la proposta di Berto di una logica e una semantica per le entità inesistenti. Muovendo da un approccio empirista, determiniamo il senso in cui è possibile parlare dell'esistenza come proprietà, senza abbandonare completamente il punto di vista comunemente accettato. Mostriamo anche la rilevanza di tale nozione di esistenza per i fondamenti della fisica
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11576/2660819
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact