Natura morta ed esaltazione della natura in Sebastiano Ceccarini