Proust, Ver Meer e il piccolo lembo di muro giallo