Politica e poesia: il magnifico Lorenzo