Una pagina di storia agrigentina: Pindaro, frr.118,119 Sn.-Maehl.