De Broglie, Bergson e la rappresentazione spazio-temporale