L’immaginario turistico e le forme performative del consumo vocazionale