Male radicale e silenzio di Dio. La teologia dopo Auschwitz