Garibaldi e la stampa illustrata inglese