Tra liberalismo e fascismo: Pareto e la critica della democrazia