Saggio di storia delle "rappresentazioni", nel quale il corpo morto di Garibaldi funge da simbolo delle virtù laiche e patriottiche e da fonte di sacralizzazione della politica democratica. Il culto dell'eroe, che viene delineandosi nel 1882, non è più nazionale ma suddiviso in parti, tra oppositori e moderati, e anche all'interno della Sinistra, tra radicali e repubblicani.

2 giugno 1882: Garibaldi entra nel mito

MENGOZZI, DINO
2005

Abstract

Saggio di storia delle "rappresentazioni", nel quale il corpo morto di Garibaldi funge da simbolo delle virtù laiche e patriottiche e da fonte di sacralizzazione della politica democratica. Il culto dell'eroe, che viene delineandosi nel 1882, non è più nazionale ma suddiviso in parti, tra oppositori e moderati, e anche all'interno della Sinistra, tra radicali e repubblicani.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11576/1889331
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact