Il saggio si ricollega allo studio premesso al primo tomo dei carteggi di Schiavi, mettendo a fuoco il ruolo del dirigente riformista come traduttore di pensatori "eretici", al fine di rinnovare la cultura politica in Italia. Schiavi diveniva collaboratore dell'Editore Laterza, negli anni '30, riuscendo a eludere la censura. Tornava su quei testi al tempo della fondazione della socialdemocrazia e da dirigente nel Consiglio dei comuni d'Europa.

Presentazione

MENGOZZI, DINO
2004

Abstract

Il saggio si ricollega allo studio premesso al primo tomo dei carteggi di Schiavi, mettendo a fuoco il ruolo del dirigente riformista come traduttore di pensatori "eretici", al fine di rinnovare la cultura politica in Italia. Schiavi diveniva collaboratore dell'Editore Laterza, negli anni '30, riuscendo a eludere la censura. Tornava su quei testi al tempo della fondazione della socialdemocrazia e da dirigente nel Consiglio dei comuni d'Europa.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11576/1889332
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact