Tentativo di radiografare per via antropologica e con metodi quantitativi attraverso le carte criminali una società montanara dell'Appennino centrale, nella quale risalta la prevalenza d'una gradualità non omicida nei rapporti conflittuali. Il rituale della violenza si esauriva il più delle volte in una messa in scena della minaccia, che finiva però per mobilitare la comunità e i capifamiglia.

Criminalità e violenza in una società di montagna fra Sette e Novecento

MENGOZZI, DINO
1997

Abstract

Tentativo di radiografare per via antropologica e con metodi quantitativi attraverso le carte criminali una società montanara dell'Appennino centrale, nella quale risalta la prevalenza d'una gradualità non omicida nei rapporti conflittuali. Il rituale della violenza si esauriva il più delle volte in una messa in scena della minaccia, che finiva però per mobilitare la comunità e i capifamiglia.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11576/1889339
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact