Immaginario e «anacronismi». Un incontro fra storia e letteratura