Il giovane Ferrero e la «società a tipo di violenza»