Peter Wilkins: una Robinsonnade fra romanzo sentimentale e fantautopia