La "Lapide Isiaca" di Bologna nel carteggio di un amico di Amaduzzi