Anselmo Anselmi e la tutela del patrimonio artistico marchigiano nella corrispondenza con Corrado Ricci