Sul significato metodologico della teoria hegeliana della ‘rappresentazione’ per le scienze umane contemporanee