L’ineludibile aspecificità tecnica degli strumenti di lavoro dello psicoanalista