Il venditore di croccanti ovvero il teatro degli anni '50 tra critica e politica