Istanza mimetica di Fausto Paravidino e respiro tragico in "2 fratelli"