Il personaggio "modernista" come fascio di tratti semantici non psicologici: l'esempio di Flaubert