Il portrait come apologia dell'aristocratico, nell'opera di tre frondisti