L’Editio Plautina Sarsinatis, in cui l’edizione della commedia si inserisce, prevede una revisione integrale dei manoscritti portatori di varianti e della bibliografia accunulatasi nei secoli sulle questioni suscitate dal testo. Il risultato di tale lavoro viene offerto al lettore in tre distinti apparati: nel primo è raccolto tutto ciò che concerne il paratesto, vale a dire titoli di scena, distribuzione delle battute, modi di indicare i personaggi: un insieme di cose insomma che non risalgono certo all’autore ma che sono comunque di grande rilievo sia per l’interesse che le commedie hanno suscitato man mano che da testo rappresentato divenivano sempre più ed infine esclusivemente un testo di lettura, sia per le tipologie librarie che esse consentono di ricostruire. Il secondo dà conto della divisio versuum dei cantica, sostanzialmente risalente, per quanto ci testimoniano il palinsesto Ambrosiano da un lato e il Palatino Latino 1615 dall’altro, all’edizione curata da un erudito della fine del II sec. avanti Cristo. Il terzo apparato è quello, consueto, delle varianti. Completano il tutto il Metrorum conspectus e i la raccolta dei Testimonia.

Titi Macci Plauti Curculio, edidit Septimius Lanciotti

LANCIOTTI, SETTIMIO
2008

Abstract

L’Editio Plautina Sarsinatis, in cui l’edizione della commedia si inserisce, prevede una revisione integrale dei manoscritti portatori di varianti e della bibliografia accunulatasi nei secoli sulle questioni suscitate dal testo. Il risultato di tale lavoro viene offerto al lettore in tre distinti apparati: nel primo è raccolto tutto ciò che concerne il paratesto, vale a dire titoli di scena, distribuzione delle battute, modi di indicare i personaggi: un insieme di cose insomma che non risalgono certo all’autore ma che sono comunque di grande rilievo sia per l’interesse che le commedie hanno suscitato man mano che da testo rappresentato divenivano sempre più ed infine esclusivemente un testo di lettura, sia per le tipologie librarie che esse consentono di ricostruire. Il secondo dà conto della divisio versuum dei cantica, sostanzialmente risalente, per quanto ci testimoniano il palinsesto Ambrosiano da un lato e il Palatino Latino 1615 dall’altro, all’edizione curata da un erudito della fine del II sec. avanti Cristo. Il terzo apparato è quello, consueto, delle varianti. Completano il tutto il Metrorum conspectus e i la raccolta dei Testimonia.
9788839208514
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11576/1890995
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact