Vissuti anomali e alterazioni cognitive nei familiari di primo grado di pazienti schizofrenici: possibili marker di vulnerabilità?