Tra ordinario e straordinario: modernità e vita quotidiana