Gramsci e Labriola: lo statuto della teoria e l'autoriflessività