Un «dattiloscritto sogno mediterraneo» di Umberto Saba