Il «modello sociale europeo» e la crescita economica