La bolla di papa Paolo II e la riconferma dei privilegi al plebato di Sestino