Sulle tracce dell’“io” poetico in “Acque e terre” e “Òboe sommerso” di Salvatore Quasimodo (pp. 245-263)