Il contributo analizza la portata normativa del principio della identità nazionale entro il quadro del diritto costituzionale europeo. A partire dai Trattati istitutivi, attraverso le riforme di Maastricht ed Amsterdam, e sino al Trattato di Roma del 2004, si evidenzia il valore sistemico del riferimento alla identità nazionale nella integrazione costituzionale tra ordinamento comunitario e singoli ordinamenti statali. In particolare, la tesi forse più originale che si prova a sostenere, riguarda le letture possibili del principio della identità nazionale, sospeso tra dimensione politico-sovrana e normativa-ordinamentale.

Il principio dell’identità nazionale nell’ordinamento europeo

MAGNANI, CARLO
2006-01-01

Abstract

Il contributo analizza la portata normativa del principio della identità nazionale entro il quadro del diritto costituzionale europeo. A partire dai Trattati istitutivi, attraverso le riforme di Maastricht ed Amsterdam, e sino al Trattato di Roma del 2004, si evidenzia il valore sistemico del riferimento alla identità nazionale nella integrazione costituzionale tra ordinamento comunitario e singoli ordinamenti statali. In particolare, la tesi forse più originale che si prova a sostenere, riguarda le letture possibili del principio della identità nazionale, sospeso tra dimensione politico-sovrana e normativa-ordinamentale.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11576/2300319
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact