Gianni Rodari, il mio maestro