il contributo cotituisce l'approfondimento di alcune riflessioni seguite al seminario di Critica Europea su "Giustizia e diritto" nella scienza giuridica contemporanea, tenutosi a Urbino nel 25 marzo 2010. Il tema, classico delle scienze e della cultura giuridiche, si presta ad essere analizzato fruttuosamente attraverso l’ulteriore prospettiva metodologica offerta dall’intreccio di diritto e letteratura, riscoperta da poco tempo in Italia, ma sempre più utilizzata dagli studiosi che hanno sensibilità per il rapporto tra vita, realtà e diritto. Tant’è che la stessa, sebbene non esplicitata come tale, è emersa in vari momenti del seminario come ricorso a testimonianze letterarie assunte direttamente o indirettamente per il tramite di autorevoli studiosi, primo fra tutti Zagrebelsky, più volte citato. Ciò giustifica il contenuto del presente contributo, che intende riproporre principalmente l’analisi della narrazione eschilea sulla nascita del tribunale. Quanto agli obiettivi, si riserva, da una parte, di porre in luce come l’approccio diritto e letteratura possa efficacemente contribuire a uno dei dibattiti più tormentati della modernità, qual è questo, incentrato sul rapporto tra giustizia e diritto; e, dall’altra parte, di far emergere un tema, quello della misura, che è rimasto tra le pieghe dei lavori, nonostante l’intensità e la ricchezza delle argomentazioni via via proposte.

Frammenti di analisi letterarie del rapporto tra giustizia e diritto

MITTICA, MARIA PAOLA
2011-01-01

Abstract

il contributo cotituisce l'approfondimento di alcune riflessioni seguite al seminario di Critica Europea su "Giustizia e diritto" nella scienza giuridica contemporanea, tenutosi a Urbino nel 25 marzo 2010. Il tema, classico delle scienze e della cultura giuridiche, si presta ad essere analizzato fruttuosamente attraverso l’ulteriore prospettiva metodologica offerta dall’intreccio di diritto e letteratura, riscoperta da poco tempo in Italia, ma sempre più utilizzata dagli studiosi che hanno sensibilità per il rapporto tra vita, realtà e diritto. Tant’è che la stessa, sebbene non esplicitata come tale, è emersa in vari momenti del seminario come ricorso a testimonianze letterarie assunte direttamente o indirettamente per il tramite di autorevoli studiosi, primo fra tutti Zagrebelsky, più volte citato. Ciò giustifica il contenuto del presente contributo, che intende riproporre principalmente l’analisi della narrazione eschilea sulla nascita del tribunale. Quanto agli obiettivi, si riserva, da una parte, di porre in luce come l’approccio diritto e letteratura possa efficacemente contribuire a uno dei dibattiti più tormentati della modernità, qual è questo, incentrato sul rapporto tra giustizia e diritto; e, dall’altra parte, di far emergere un tema, quello della misura, che è rimasto tra le pieghe dei lavori, nonostante l’intensità e la ricchezza delle argomentazioni via via proposte.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11576/2509119
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact