C.A.M.M. – CARTA ARCHEOLOGICA MEDIEVALE DELLE MARCHE 2000 Nel 2000 è stata stipulata una convenzione tra la Regione Marche e le Università di Udine, Macerata e Urbino, per la realizzazione della Carta Archeologica Medievale delle Marche (C.A.M.M.). Il primo stralcio della convenzione, della durata di due anni, data la particolare situazione di lacuna sulle conoscenze archeologiche medievali delle Marche, prevedeva: 1. Lo spoglio dell’edito 2. L’elaborazione di un modello di scheda informatizzata per il Medioevo (Scheda Sito ministeriale modificata per il medioevo-SIM) 3. Svolgimento di una campagna di ricognizioni di superficie, finalizzata alla sperimentazione della scheda SIM elaborata Dopo l’elaborazione di una nuova scheda informatica e la consegna delle prime 50 schede di sito, per questioni burocratiche il progetto non ha avuto seguito.

Carta Archeologica Medievale delle Marche (C.A.M.M.)

ERMETI, ANNA LIA
2000-01-01

Abstract

C.A.M.M. – CARTA ARCHEOLOGICA MEDIEVALE DELLE MARCHE 2000 Nel 2000 è stata stipulata una convenzione tra la Regione Marche e le Università di Udine, Macerata e Urbino, per la realizzazione della Carta Archeologica Medievale delle Marche (C.A.M.M.). Il primo stralcio della convenzione, della durata di due anni, data la particolare situazione di lacuna sulle conoscenze archeologiche medievali delle Marche, prevedeva: 1. Lo spoglio dell’edito 2. L’elaborazione di un modello di scheda informatizzata per il Medioevo (Scheda Sito ministeriale modificata per il medioevo-SIM) 3. Svolgimento di una campagna di ricognizioni di superficie, finalizzata alla sperimentazione della scheda SIM elaborata Dopo l’elaborazione di una nuova scheda informatica e la consegna delle prime 50 schede di sito, per questioni burocratiche il progetto non ha avuto seguito.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11576/2509683
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact