La cifra più autentica delle rivoluzioni arabe viste dall’interno, dalla parte di chi ha dato vita alle rivolte, è la riscoperta di quel primario e prezioso bene immateriale chiamato dignità. Il contributo mette in luce il significato normativo della rinata dignità araba, il quale può essere pienamente compreso solo se si parte da questo nucleo profondo e costitutivo: la disponibilità a mettere in gioco la propria vita pur di non vivere più nella paura che quotidianamente regna in uno Stato di polizia. La grande novità, trascurata da chi tende ad ingabbiare i processi in corso in formule preconfezionate, è “la nascita dell’Islam come forza politica legittimamente eletta al governo.Si tratta conclusivamente di una sfida straordinaria per l’identità dei gruppi di matrice islamica chiamati oggi, e sempre più in futuro, a misurarsi in modo inedito con le questioni della forma dello Stato e della forma di governo, della natura dei diritti, del rapporto tra fonti religiose e fonti laiche dell’ordinamento giuridico, delle garanzie da riconoscere alle minoranze etniche e religiose.

Le rivoluzioni della dignità arabo-islamica

CANTARO, ANTONIO
2012-01-01

Abstract

La cifra più autentica delle rivoluzioni arabe viste dall’interno, dalla parte di chi ha dato vita alle rivolte, è la riscoperta di quel primario e prezioso bene immateriale chiamato dignità. Il contributo mette in luce il significato normativo della rinata dignità araba, il quale può essere pienamente compreso solo se si parte da questo nucleo profondo e costitutivo: la disponibilità a mettere in gioco la propria vita pur di non vivere più nella paura che quotidianamente regna in uno Stato di polizia. La grande novità, trascurata da chi tende ad ingabbiare i processi in corso in formule preconfezionate, è “la nascita dell’Islam come forza politica legittimamente eletta al governo.Si tratta conclusivamente di una sfida straordinaria per l’identità dei gruppi di matrice islamica chiamati oggi, e sempre più in futuro, a misurarsi in modo inedito con le questioni della forma dello Stato e della forma di governo, della natura dei diritti, del rapporto tra fonti religiose e fonti laiche dell’ordinamento giuridico, delle garanzie da riconoscere alle minoranze etniche e religiose.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11576/2513534
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact