La cultura della circolazione: media diffondibili e contenuti “spalmabili” oltre le ideologie del web 2.0