Il nazismo e la Shoah sono stati due eventi che hanno segnato profondamente, in negativo, il Novecento. Essi hanno anche rappresentato, e rappresentano ancora oggi, un banco di prova e una sfida gnoseologica per ogni forma di pensiero e in particolare per la riflessione filosofica, politica e letteraria. Il presente volume indica nel rapporto tra due grandi della cultura contemporanea, Hannah Arendt e Primo Levi, una fondamentale chiave d’accesso alle problematiche sollevate da totalitarismo, sterminio, nascita dello stato d’Israele nonché alle fenomenologie delle stesse società democratiche.

La shoah tra sacrificio e sopravvivenza. Colpa, vergogna e redenzione in Primo Levi e Hannah Arendt

BELLEI, CRISTIANO MARIA
2013-01-01

Abstract

Il nazismo e la Shoah sono stati due eventi che hanno segnato profondamente, in negativo, il Novecento. Essi hanno anche rappresentato, e rappresentano ancora oggi, un banco di prova e una sfida gnoseologica per ogni forma di pensiero e in particolare per la riflessione filosofica, politica e letteraria. Il presente volume indica nel rapporto tra due grandi della cultura contemporanea, Hannah Arendt e Primo Levi, una fondamentale chiave d’accesso alle problematiche sollevate da totalitarismo, sterminio, nascita dello stato d’Israele nonché alle fenomenologie delle stesse società democratiche.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11576/2629623
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact