Uno degli aspetti che più contribuisce a caratterizzare l’esperienza delle donne imprenditrici riguarda l’importanza che i rapporti familiari assu- mono nello spiegare la scelta delle donne verso l’imprenditorialità, nel rendere possibile il loro percorso imprenditoriale, nel determinare le op- portunità di successo e di sviluppo delle loro imprese. Sin dai primi con- tributi, infatti, il tema della famiglia si è visto attribuire uno spazio im- portante negli studi sulle donne imprenditrici e sul loro vissuto. In una prima fase, l’accento è stato posto sul ruolo della famiglia nello spingere le donne verso l’attività imprenditoriale. È ai fattori di tipo push, infatti, che veniva prevalentemente attribuita l’origine di questa decisione, vissu- ta più come necessità, dovere o ripiego, che come scelta libera, espressio- ne delle aspirazioni e delle motivazioni personali della donna (Hughes, 2003). In altri studi, la famiglia – prevalentemente quella costituita con il matrimonio – è descritta come una barriera, che ostacola il percorso imprenditoriale delle donne (Stoner et al., 1990; Rønsen, 2012). Ma la famiglia, oltre che come fonte di vincoli, doveri e impegni, può intro- mettersi nel percorso imprenditoriale femminile anche sotto forma di risorsa o di supporto, facendosi portatrice di contributi – patrimoniali, relazionali, organizzativi, psicologici – che spesso assumono un’impor- tanza vitale rispetto alla possibilità delle donne di fare impresa (Paoloni e Dumay, 2015; Alesina et al., 2013; Cesaroni et al., 2013; Paoloni e Demartini, 2012; Paoloni, 2011; Cesaroni, 2010). La constatazione della frequente presenza della famiglia nelle espe- rienze delle donne imprenditrici e nelle varie fasi del loro percorso im- prenditoriale ci ha incoraggiato ad approfondire il problema ponendoci la seguente research question: “In che modo la famiglia può intervenire nell’esperienza imprenditoriale delle donne?” Per rispondere a tale domanda è stata effettuata una ricerca quali- tativa, basata sul metodo dei casi multipli e svolta attraverso interviste semi-strutturate a 16 donne imprenditrici italiane, titolari di micro e piccole imprese. Tale analisi ha consentito di individuare alcuni profili tipici riguardo al rapporto donna imprenditrice e famiglia, caratterizzati da diverse modalità con cui quest’ultima può intervenire per influenzare le scelte della donna imprenditrice e le modalità di gestione della sua azienda.

Le donne imprenditrici tra lavoro e famiglia: un legame inscindibile

CESARONI, FRANCESCA MARIA;
2016-01-01

Abstract

Uno degli aspetti che più contribuisce a caratterizzare l’esperienza delle donne imprenditrici riguarda l’importanza che i rapporti familiari assu- mono nello spiegare la scelta delle donne verso l’imprenditorialità, nel rendere possibile il loro percorso imprenditoriale, nel determinare le op- portunità di successo e di sviluppo delle loro imprese. Sin dai primi con- tributi, infatti, il tema della famiglia si è visto attribuire uno spazio im- portante negli studi sulle donne imprenditrici e sul loro vissuto. In una prima fase, l’accento è stato posto sul ruolo della famiglia nello spingere le donne verso l’attività imprenditoriale. È ai fattori di tipo push, infatti, che veniva prevalentemente attribuita l’origine di questa decisione, vissu- ta più come necessità, dovere o ripiego, che come scelta libera, espressio- ne delle aspirazioni e delle motivazioni personali della donna (Hughes, 2003). In altri studi, la famiglia – prevalentemente quella costituita con il matrimonio – è descritta come una barriera, che ostacola il percorso imprenditoriale delle donne (Stoner et al., 1990; Rønsen, 2012). Ma la famiglia, oltre che come fonte di vincoli, doveri e impegni, può intro- mettersi nel percorso imprenditoriale femminile anche sotto forma di risorsa o di supporto, facendosi portatrice di contributi – patrimoniali, relazionali, organizzativi, psicologici – che spesso assumono un’impor- tanza vitale rispetto alla possibilità delle donne di fare impresa (Paoloni e Dumay, 2015; Alesina et al., 2013; Cesaroni et al., 2013; Paoloni e Demartini, 2012; Paoloni, 2011; Cesaroni, 2010). La constatazione della frequente presenza della famiglia nelle espe- rienze delle donne imprenditrici e nelle varie fasi del loro percorso im- prenditoriale ci ha incoraggiato ad approfondire il problema ponendoci la seguente research question: “In che modo la famiglia può intervenire nell’esperienza imprenditoriale delle donne?” Per rispondere a tale domanda è stata effettuata una ricerca quali- tativa, basata sul metodo dei casi multipli e svolta attraverso interviste semi-strutturate a 16 donne imprenditrici italiane, titolari di micro e piccole imprese. Tale analisi ha consentito di individuare alcuni profili tipici riguardo al rapporto donna imprenditrice e famiglia, caratterizzati da diverse modalità con cui quest’ultima può intervenire per influenzare le scelte della donna imprenditrice e le modalità di gestione della sua azienda.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11576/2643734
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact