Nel tentativo di rinnovare il conservatorismo tedesco dopo la sconfitta nella prima guerra mondiale e il crollo dell'Ancién Regime, la Rivoluzione conservatrice tedesca produce una serie di rotture dialettiche. Dalla nostalgia del mondo premoderno alla negazione di questa nostalgia e da qui fino al modernismo reazionario, gli intellettuali di questa cerchia culturale si confrontano con l'avvento della società di massa e con la crisi dell'ordinamento eurocentrico della terra. Il passaggio dal cinismo reattivo di Spengler al modernismo tutto positivo di Moeller rappresenta in questo senso un significativo salto di qualità.

Moeller, Spengler e la dialettica della Rivoluzione conservatrice

AZZARA', GIUSEPPE STEFANO
2017-01-01

Abstract

Nel tentativo di rinnovare il conservatorismo tedesco dopo la sconfitta nella prima guerra mondiale e il crollo dell'Ancién Regime, la Rivoluzione conservatrice tedesca produce una serie di rotture dialettiche. Dalla nostalgia del mondo premoderno alla negazione di questa nostalgia e da qui fino al modernismo reazionario, gli intellettuali di questa cerchia culturale si confrontano con l'avvento della società di massa e con la crisi dell'ordinamento eurocentrico della terra. Il passaggio dal cinismo reattivo di Spengler al modernismo tutto positivo di Moeller rappresenta in questo senso un significativo salto di qualità.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11576/2647890
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact