L'egemonia dopo Gramsci: una riconsiderazione