La fonte e lo storico: una coppia inseparabile