Il saggio di Otto Apelt La dottrina delle categorie di Aristotele presenta una delle interpretazioni più significative della dottrina aristotelica delle categorie all’interno dell’ampio dibattito che, nel corso dell’Ottocento, ha coinvolto personalità di spicco come Trendelenburg, Zeller, Brandis, Bonitz, Prantl, Steinthal e Brentano. Apelt muove da una concezione antiparmenidea dell’essere, a partire dalla quale propone un’interpretazione logico-semantica delle categorie come significati dell’essere. Tale lettura è integrata da un confronto con la concezione kantiana e da un’analisi degli antecedenti storici della dottrina delle categorie di Aristotele, fra i quali spicca il nome di Platone. L’introduzione di Venanzio Raspa offre un’attenta ricostruzione delle varie interpretazioni (linguistica, ontologica, semantica, evolutiva, storicistica) che sono state date della dottrina aristotelica delle categorie; esamina le questioni relative alla loro completezza, deduzione e origine storica; colloca le tesi di Apelt all’interno del dibattito ottocentesco e ne ripercorre le vicende nella letteratura successiva.

La dottrina delle categorie di Aristotele

Raspa, Venanzio
2020-01-01

Abstract

Il saggio di Otto Apelt La dottrina delle categorie di Aristotele presenta una delle interpretazioni più significative della dottrina aristotelica delle categorie all’interno dell’ampio dibattito che, nel corso dell’Ottocento, ha coinvolto personalità di spicco come Trendelenburg, Zeller, Brandis, Bonitz, Prantl, Steinthal e Brentano. Apelt muove da una concezione antiparmenidea dell’essere, a partire dalla quale propone un’interpretazione logico-semantica delle categorie come significati dell’essere. Tale lettura è integrata da un confronto con la concezione kantiana e da un’analisi degli antecedenti storici della dottrina delle categorie di Aristotele, fra i quali spicca il nome di Platone. L’introduzione di Venanzio Raspa offre un’attenta ricostruzione delle varie interpretazioni (linguistica, ontologica, semantica, evolutiva, storicistica) che sono state date della dottrina aristotelica delle categorie; esamina le questioni relative alla loro completezza, deduzione e origine storica; colloca le tesi di Apelt all’interno del dibattito ottocentesco e ne ripercorre le vicende nella letteratura successiva.
9788822904300
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11576/2678824
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact