Il contributo propone spunti di riflessione sul progetto educativo-rieducativo realizzato presso la casa circondariale di Pesaro (Marche) e attuato con un metodo che coniuga la sperimentazione corporea con quella espressiva. L’incontro/scambio fra ‘corpi imprigionati’ (casa circondariale Pesaro) e studenti universitari (Urbino) sembra fornire elementi significativi. In particolare il clima di ritrovata libertà comunicativa, motoria ed emotiva oltre che intellettuale, grazie ad esperienze personali e di gruppo sollecitate dall’incrocio di attività sportive e culturali quali ponti privilegiati tra spazi reclusi e spazi aperti.

Spazi chiusi e spazi aperti: una iniziativa educativa tra studenti e detenuti

Rosella Persi
2020-01-01

Abstract

Il contributo propone spunti di riflessione sul progetto educativo-rieducativo realizzato presso la casa circondariale di Pesaro (Marche) e attuato con un metodo che coniuga la sperimentazione corporea con quella espressiva. L’incontro/scambio fra ‘corpi imprigionati’ (casa circondariale Pesaro) e studenti universitari (Urbino) sembra fornire elementi significativi. In particolare il clima di ritrovata libertà comunicativa, motoria ed emotiva oltre che intellettuale, grazie ad esperienze personali e di gruppo sollecitate dall’incrocio di attività sportive e culturali quali ponti privilegiati tra spazi reclusi e spazi aperti.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11576/2680862
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact