«Uno esemplo domestico e moderno»: Machiavelli, Firenze e l’idea di contemporaneità