«Rivoluzione passiva»: la fonte di Gramsci e alcune conseguenze