La «politica totalitaria» e la crisi dello Stato