Pier Paolo Pasolini, l'estetica del sopraluogo