«Ciò che chiudo nel cor dipingo in carte». La poesia di Cesare Rinaldi nell'ambiente artistico bolognese della fine del Cinquecento